Legname e prodotti in legno

Legname e prodotti in legno:

Legno massiccio

La caratteristica essenziale del legno massiccio di abete o larice risiede nel fatto che l’elemento si presenta allo stato naturale mantenendo intatta la struttura originaria della pianta.

Il legno massiccio garantisce elevate caratteristiche estetiche, meccaniche e di durabilità naturale anche se sottoposto a condizioni ambientali critiche anche grazie all’essicazione che permette di dare una superiore stabilità ed informabilità alle travi.
Esistono svariate tipologie di legno massiccio e molteplici possibilità di squadrature e lavorazioni accessorie al fine di poter soddisfare le innumerevoli esigenze estetiche e strutturali di tutti i clienti, anche i più esigenti.

Travi lamellari

Le esigenze nelle costruzioni residenziali e industriali sono costantemente cresciute.
Maggiori carichi utili, luci più ampie, costruzioni esteticamente esigenti, disponibilità immediata, svariate dimensioni sono tutte caratteristiche intrinseche.
Le travi lamellari rispettano tutte queste esigenze ed offrono ad architetti ed impresari possibilità senza confini.

Per il legno lamellare si utilizza in genere l’Abete rosso e su precisa richiesta in larice.
Una trave in lamellare è costituita da tavole in legno incollate esclusivamente con colla poliuretanica, conforme alle norme EN e DIN, resistente agli agenti atmosferici, trasparente ed esente da formaldeide. Presenta buone caratteristiche di indeformabilità e duttilità.

Il legno lamellare è consigliato in caso di sezioni e luci di grandi dimensioni o per esigenze particolari, da realizzarsi principalmente in interni, ma anche per esterni tramite l’utilizzo di colla specifica e successivo trattamento con finiture per esterni.

Per la produzione vengono impiegati segati assortiti in base alla resistenza S10 o meglio secondo la normativa DIN 4074-1.

Grazie alla composizione omogenea della trave lamellare e quindi senza l'impiego di lamelle peggiori all'interno, si ottiene una trave lamellare appartenente alla classe BS11.

Travi bilama

Le travi Bilama sono costituite da smezzoloni di legno d’Abete o Larice scelto, giuntate a pettine sulle teste ed incollate con colla poliuretanica di colore neutro non segnante, (esente dall'emissione di formaldeide).
La sezione laterale corrisponde a quella di una trave in legno massiccio.

La portata statica delle travi Bilama raggiunge quella delle tradizionali travi in lamellare. Crepe, nodi di dimensioni eccessive, torsioni e cali di sezione, caratteristici delle travi tradizionali in massello, non sono invece presenti in quelle Bilama, grazie alla selezione del legno ed all’essiccazione uniforme delle smezzolone.

Le travi di tipo Bi-lama, ed anche quelle Tri-lama, vengono realizzate secondo la norma DIN 1052 per le costruzioni in legno e godono di un vasto numero di campi d'impiego nelle moderne costruzioni in legno.

Attrattivo sia dal punto di vista del prezzo che da quello estetico, è impiegabile anche per costruzioni a vista.

L'elevata portata statica è garantita dall’assortimento S10 delle lamelle secondo la norma DIN 4074-1. È stabile nella sua forma grazie all’incollaggio verticale delle lamelle e si presenta molto bene per effetto dell’esposizione all'esterno della parte rivolta al cuore quindi, meno spaccature e nodi più piccoli.

KVH

La richiesta di un prodotto semilavorato standardizzato arriva dall’industria delle case prefabbricate e dalle lavorazioni con macchine a controllo numerico.

Quando si richiede un prodotto piallato, stabile, con poche spaccature ed essiccato, la risposta dell'industria del legno all'avanguardia consiste nel KVH.

Segati assortiti in base alla portata vengono essiccati, incollati e piallati e, per le piccole dimensioni, rispondono alle richieste delle moderne costruzioni in legno.

Anche il legno massiccio può essere sottoposto a lavorazioni aggiuntive, per poi essere utilizzato come pregiato legname da costruzione attraverso un metodo di giunzione a pettine con l’impiego di colla esente da formaldeide.

Il continuo e regolare controllo sia interno che esterno nella produzione del KVH garantisce una grande sicurezza a chi utilizza il prodotto. L’abbreviazione tedesca KVH sta per “Konstruktions voll holz” , ovvero, “Legno Massiccio da Costruzione”.

Lo scopo è quello di migliorare la qualità del legno quale materiale da costruzione e, con esso, la qualità delle costruzioni in legno in generale, per poter ampliare la quota di mercato del legname rispetto agli altri materiali da costruzione.

Con il metodo della giunzione a cuneo e con l’impiego di una colla poliuretanica esente da formaldeide, il legname tagliato viene accoppiato dinamicamente a formare tavole di KVH che teoricamente possono raggiungere qualsiasi lunghezza.

Nello specifico esistono due tipologie di KVH:
per la qualità KVH-Si vengono utilizzati solo legni fuori cuore, mentre per la qualità KVH-NSi sono indispensabili legni a cuore spaccato, per limitare il più possibile la formazione delle fenditure, lo svergolamento e la distorsione del legno essiccato.

Alle due tipologie indicate corrispondono anche due differenti campi di utilizzo: SI per applicazioni a vista, quali ad esempio colonne, travi maestre a vista e supporti per il tetto; NSI per applicazioni non a vista come muri portanti, travi maestre rivestite e supporti per il tetto.

   


Contattaci per qualunque informazione


Legname e prodotti in legno Bergamo | Zanella legnami